Fatti con Il Miglior Latte Fresco, italiano, buono guarda i nostri prodotti Mozzarella e Fiordilatte di alta qualità guarda i nostri prodotti Freschi e Stagionati per tutti i gusti guarda i nostri prodotti

Benvenuti nella Tradizione!

Tre Generazioni si Tramandano La Sapienza Antica e le Antiche Ricette

Chi Siamo

La Nostra Storia

Il Caseificio Russo a Vico Equense opera da anni nel settore portando avanti la tradizione dei mastri casari da tre generazioni, tramandando di padre in figlio la passione per il proprio lavoro.

Grazie ad un personale attento e ben preciso, produciamo prodotti di alta qualità, sani e genuini capaci di soddisfare a pieno ogni esigenza della clientela.

L’attenta selezione degli ingredienti, la cura nella raccolta del latte (che deve essere appena munto per garantire i migliori risultati) e l’utilizzo di attrezzatture sempre all’avanguardia, ci permette oggi di affermarci come leader nel settore e diventare un solido punto di riferimento per i clienti della zona.

 

Carriera Tramandata

Con lunga tradizione familiare alle spalle, il Caseificio Russo a Vico Equense, già Caseificio F.lli Russo fino al 1980, è da allora diretto dal suo unico titolare, Giancarlo Russo, che in più di trent’anni di attività ha continuato a produrre formaggi naturali e di estrema qualità secondo metodi di lavorazioni antichi che, pur rimanendo invariati, si avvalgono oggi delle migliori attrezzature sul mercato.

L’esperienza Artigianale

Un’attenta selezione degli allevamenti da cui trarre il latte, elemento fondante dei suoi prodotti, accompagna la passione con cui viene continuata una tradizione artigianale trasmessa di padre in figlio. La produzione del Caseificio Russo a Vico Equense comincia ad arricchirsi, inserendo nel processo produttivo ulteriori prodotti freschi e stagionati, avvalendosi di collaboratori di comprovata esperienza, ciascuno addetto ad una specifica area di lavorazione.

Crescita e Nuove Partnership

Col trascorre degli anni Giancarlo Russo ha saputo intraprendere partnership con importanti aziende locali, tra cui alcuni dei più prestigiosi hotel della Penisola Sorrentina e della Costiera Amalfitana, così come dei migliori ristoranti, pizzerie e supermercati di Sorrento e dintorni.

Vendita Online e Spedizioni in tutto il Mondo

L’attività del Caseificio Russo a Vico Equense non conosce soste, dalla fase di raccolta del latte, alla produzione, alla distribuzione giornaliera, dove ogni ciclo è tenuto a rispettare i tempi previsti per ciascun prodotto, compresi quelli necessari per la stagionatura e il processo di affumicatura. In questo difficile anno il Caseificio Russo intraprende la strada verso l’e-commerce, oggi più che mai fondamentale per sostenere la valorizzazione nel Mondo dei prodotti della Nostra amata Terra.

Prodotti

Provoletta Affumicata

Un esplosione di gusto. Da mangiare chiudendo gli occhi.

Scamorza Affumicata

Sapore deciso e delicato. Versatile e gustosissima.

Provolone Stagionato in Grotta

Fino a Sei mesi di Stagionatura in Grotta. Un prodotto Unico.

Caciocavallo Fresco

Ideale per primi piatti e secondi gustosi.

Caciocavallo di Sorrento

Un Gusto inconfondibile per una grande Versatilità.

Provola Affumicata

La Regina dei freschi. Dal sapore unico e inconfondibile.

Fiordilatte

Una vera e propria Nuvola dall’inconfondibile e delicato Sapore.

Treccia di Mozzarella

La Regina dei Freschi. Un Must per la Caprese.

Caciotta Stagionata

Sapore deciso e persistente. Ottima con Vino Rosso.

Il Nostro Shop

Blog

Le regole della pizza perfetta: come prepararla a regola d’arte!

Le regole della pizza perfetta: come prepararla a regola d’arte!

Scopriamo come fare la pizza napoletana a casa come in pizzeria, per preparare una cena sfiziosa da gustare in compagnia.

Mozzarella per pizza: come scegliere la regina della pizza?

Mozzarella per pizza: come scegliere la regina della pizza?

La migliore mozzarella per pizza è senz’altro il fiordilatte. Questo lo dicono anche i pizzaioli più esperti e c’è una ragione ben precisa. Il fiordilatte contiene meno acqua e la pizza nel forno di casa non risulterà bruciata sul cornicione e acquosa al centro.

Il Fiordilatte e le sue Origini

Il Fiordilatte e le sue Origini

Il fior di latte o semplicemente mozzarella[1] o mozzarella di latte vaccino è un formaggio fresco, o latticinio, di latte intero vaccino a pasta filata, ricavato con una tecnica quasi identica a quella della mozzarella di bufala campana, con la quale non deve essere confusa.

Casearia Caputo
Circolo dei Forestieri
Conad
Gelateria Gabriele
Grand Hotel Cocumella
La Cascina di Seiano

 

2 days ago

È NATO IL NOSTRO CREMOSO!!! ...
View on Facebook

4 weeks ago

Buongiorno cari Amici! La Primavera è arrivata! E le tanto attese giornate di sole e clima mite sono vicine. Quale occasione migliore per preparare un piatto fresco e genuino con la nostra #provolaaffumicata?Quale ricetta vi viene in mente? La versatilità di questo prodotto lascia molto spazio alla creatività. Inviateci le vostre idee. Pubblicheremo le più interessanti sul nostro sito caseificiorusso.com/La Provola Affumicata del Caseificio Russo rappresenta il fiore all’occhiello rispetto alla quantità prodotta dal Caseificio. Un prodotto freschissimo e dal sapore unico ed avvolgente. Adatto a ogni applicazione culinaria, così come eccellente anche come semplice secondo piatto.Alcune informazioni utili sulla Provola Affumicata:La provola affumicata è una specialità prodotta in tutta la regione Campania, e in particolare nelle aree della valle del Volturno, Penisola Sorrentina, Vallo di Diano, Irpinia, Sannio, Matese. Si tratta di un formaggio che condivide con la mozzarella l’antichità dell’origine e delle tecniche di produzione che sono, tra l’altro, molto simili. Anche la provola è ottenuta dalla trasformazione di latte crudo di vacca e l’origine del suo nome deriva, per l’appunto, dal fatto che era la “prova” cioè il campione che veniva immerso nell’acqua bollente per stabilire se la cagliata era pronta per la filatura. A differenza della mozzarella, non deve necessariamente essere consumata fresca, ma può essere conservata per un tempo maggiore; probabilmente è questo il motivo per cui anticamente godeva di maggiore fama rispetto alla mozzarella: ne è prova la sua presenza nelle rappresentazioni dei celeberrimi presepi napoletani del ‘700 a fronte della totale assenza di mozzarella e fior di latte. La provola, al termine della lavorazione, che prevede una fase di filatura più lunga rispetto a quella della mozzarella, per ottenere una pasta più consistente, viene posta in un ambiente chiuso a contatto con fumo derivante da paglia umida bruciata per alcuni minuti, cosicché acquisisce un sapore, un colore e un aroma tipico del fumo. ...
View on Facebook

4 months ago

Buongiorno Cari Amici! E Buone Festività Natalizie! Oggi vi presentiamo la Nostra #CaciottaStagionata.E' un formaggio di latte vaccino ottenuto dalla rottura della cagliata e poi pressato per sgrondarlo dal siero in varie forme di canestro che ne conferiscono la relativa impronta. Dalla crosta rugosa e leggermente velata di muffe, presenta all’interno una pasta semidura color giallo paglierino con rade occhiature. Peso: 250/300 Gr (intero)Ingredienti: LATTE vaccino a crudo locale, siero innesto, caglio, saleOrigine del latte: ITALIAStagionatura: 1-2 mesi Sottovuoto: SiConservazione: Conservare in frigorifero a temperatura +2C° +4C°Consumo entro: 30 giorni ...
View on Facebook

4 months ago

Buongiorno Cari Amici!Stamattina presentiamo la Nostra #scamorzaaffumicata!La scamorza affumicata del Caseificio Russo ha un sapore ricco e deciso, ed è preparata con latte fresco delle migliori fattorie dei Monti Lattari, e affumicata secondo i metodi tradizionali.Formaggio grasso, fresco o di breve stagionatura, a pasta semidura, filata.Prodotta in tutta la Campania, ma prevalentemente nella Penisola Sorrentina, in provincia di Caserta, è un formaggio a pasta filata fatto con latte di vacca. Chiamata anche “mozzarella passita”. Si consuma dopo 15 giorni, oppure dopo l’affumicatura. Si trova anche farcita.Ingredienti: latte di mucca, caglio e sale.Formati confezioni: 150 g.ZONA DI PRODUZIONECampaniaTERRITORIO DI PRODUZIONECampania: tutta la regione, prevalentemente nella Penisola Sorrentina e in provincia di Caserta.ORIGINELatte di VaccaPERIODO DI PRODUZIONEgenfebmaraprmaggiulugagosetottnovdicFORMA E DIMENSIONEForma a globo con testina legata, appena pronunciata o molto accentuata, peso di 0,15-0,25 kg.STORIAViene chiamata anche “mozzarella passita”. La forma ne determina il nome, scamorza, ovvero “cappa testa”, testa mozzata.TIPOLOGIA DI FORMAGGIO PER TIPO DI LAVORAZIONEPasta filata, Pasta semiduraTECNOLOGIA DI LAVORAZIONEIl latte, crudo o pastorizzato, alla temperatura di 40-55° viene inoculato con fermenti lattice e sieroinnesto e addizionato con caglio di vitello. La cagliata, presamica, viene rotta alle dimensione di una nocciola e lasciata maturare, tagliata a listarelle, e infine immersa in acqua bollente per la filatura e la formatura. Dopodiché, i formaggi vengono legati. La salatura è in salamoia. Dopo che le forme si sono asciugate, vengono poste a stagionare per breve tempo.MATURAZIONE/STAGIONATURASi consuma dopo 15 giorni di stagionatura.CARATTERISTICHE DEL FORMAGGIOLa struttura esterna è una pelle sottile di colore bianco o paglierino, la pasta è compatta, elastica, di colore bianco o paglierino chiaro.TIPOLOGIA DI FORMAGGIO AL CONSUMOFormaggio grasso, fresco o di breve stagionatura, a pasta semidura, filata.INTENSITÀ AROMATICA E SENSAZIONIMedia.ABBINAMENTISi degusta in purezza o cotto alla brace, magari accostato a pane casereccio e verdure. Può essere utilizzato come condimento di focacce, pizze e Parmigiane.VALORI NUTRIZIONALI PER 100 GRValore energetico334 KcalGrassi26 gProteine25 gNOTEPuò presentarsi affumicata o farcita.Presto disponibile per acquisto online sul Nostro nuovissimo Sito E-Commerce www.caseificiorusso.com ...
View on Facebook

5 months ago

Buongiorno Cari Amici!Questa Mattina di Dicembre vogliamo presentarvi la Nostra Provola Affumicata! Ve ne racconteremo: Storia, Informazioni e Caratteristiche.La provola affumicata è una specialità prodotta in tutta la regione Campania, e in particolare nelle aree della valle del Volturno, Penisola Sorrentina, Vallo di Diano, Irpinia, Sannio, Matese. Si tratta di un formaggio che condivide con la mozzarella l'antichità dell'origine e delle tecniche di produzione che sono, tra l'altro, molto simili. Anche la provola è ottenuta dalla trasformazione di latte crudo di vacca e l'origine del suo nome deriva, per l'appunto, dal fatto che era la "prova" cioè il campione che veniva immerso nell'acqua bollente per stabilire se la cagliata era pronta per la filatura. A differenza della mozzarella, non deve necessariamente essere consumata fresca, ma può essere conservata per un tempo maggiore; probabilmente è questo il motivo per cui anticamente godeva di maggiore fama rispetto alla mozzarella: ne è prova la sua presenza nelle rappresentazioni dei celeberrimi presepi napoletani del ‘700 a fronte della totale assenza di mozzarella e fior di latte. La provola, al termine della lavorazione, che prevede una fase di filatura più lunga rispetto a quella della mozzarella, per ottenere una pasta più consistente, viene posta in un ambiente chiuso a contatto con fumo derivante da paglia umida bruciata per alcuni minuti, cosicché acquisisce un sapore, un colore e un aroma tipico del fumo. Una variante della provola altrettanto famosa è la scamorza, anch'essa prodotta sia bianca che affumicata, e che si differenzia dalla prima per avere dimensioni più ridotte e una testina più grande e per essere prodotta solitamente con latte misto (vaccino e ovino).Produzione e caratteristiche della provolaLa provola viene lavorata a partire da latte vaccino intero crudo addizionato di caglio liquido e fatto coagulare a temperatura di 30°C circa. La fase di filatura della pasta può essere svolta manualmente o meccanicamente modellandola in forme sferoidali e poi legandola in alto con fibre alimentari a formare una piccola testina, quindi le provole vengono sottoposte a salatura per immersione in salamoia. A volte può seguire una fase di affumicatura che avviene sottoponendo le provole al fumo ottenuto dalla combustione di paglia umida per circa 10 minuti. La maturazione è molto veloce, da 24 ore a 10 giorni, ma la provola può essere stagionata anche per periodi più lunghi. Una volta pronta, la provola si presenta come una sfera più o meno ellittica, più o meno schiacciata, con un cappio a formare una piccola testina (la scamorza invece ha una testa più grande, quasi quanto il resto del corpo). Ha dimensioni importanti: peso tra 500-600 kg e diametro di 12-15 cm, la scamorza è di circa la metà. La superficie è di colore bianco, oppure bruno se affumicata, liscia e lucida, la pasta è di colore bianco avorio, compatta ed elastica, con lieve occhiatura irregolare se stagionata. La consistenza è morbida e burrosa. La provola può essere consumata come formaggio da tavola oppure usata in cucina ad esempio per insaporire primi piatti, insalate, pizze e crescioni, bruschette o involtini.ZONA DI PRODUZIONECampaniaMoliseTERRITORIO DI PRODUZIONECampania, in particolare Valle del Volturno, Penisola Sorrentina, Vallo di Diano, Irpinia, Sannio, Matese.ORIGINELatte di VaccaPERIODO DI PRODUZIONEgenfebmaraprmaggiulugagosetottnovdicFORMA E DIMENSIONEForma sferica irregolare, del peso variabile da 400 a 500 gr.STORIAE’ un formaggio antico quanto la Mozzarella, poiché i metodi di produzione sono simili. Provola deriva da “provare”, ovvero effettuare quell'azione che determina il momento giusto per la filatura. Per la capacità di mantenersi più a lungo della Mozzarella, la Provola era utilizzata negli storici presepi napoletani del Settecento.TIPOLOGIA DI FORMAGGIO PER TIPO DI LAVORAZIONEPasta semiduraTECNOLOGIA DI LAVORAZIONEIl latte viene inoculato con siero innesto della lavorazione precedente, portato alla temperatura di 56-60° e addizionato con caglio di vitello. La cagliata, presamica, subisce una rottura alle dimensioni di un pisello. Si provvede poi a estrarre parte del siero dalla caldaia e a lasciare la pasta ad acidificare. Trovato il punto di filatura, la pasta viene filata e formata. La salatura è in salamoia. Si conclude con l'affumicatura.MATURAZIONE/STAGIONATURASi consuma fresco, dopo 2 o tre giorni. Al massimo dopo 5 mesi.CARATTERISTICHE DEL FORMAGGIOLa crosta è sottile, liscia e, per effetto dell'affumicatura, di colore rossastro o marrone. La pasta è morbida, elastica, di colore avorio o paglierino chiaro. L'occhiatura è assente.TIPOLOGIA DI FORMAGGIO AL CONSUMOFormaggio grasso, fresco, di breve o media stagionatura, a pasta semidura.INTENSITÀ AROMATICA E SENSAZIONIMedio bassa o medio elevata.ABBINAMENTISi degusta in purezza o con pane casereccio. Impiegato anche per farcire paste o pizze. Predilige un vino rosso corposo.VALORI NUTRIZIONALI PER 100 GRValore energetico260 KcalGrassi19 gProteine21 gNOTEL'affumicatura veniva effettuata per conservare il formaggio. Oggi ha un valore strettamente sensoriale. ...
View on Facebook

Dove Acquistare

I nostri prodotti sono attualmente disponibili presso rivenditori selezionati in Provincia di Napoli e di Salerno
Trova il Negozio
Apri la chat
Hai bisogno di aiuto?
Ciao!
Come possiamo aiutarti?